lunedì 16 dicembre 2002

16/12/02 Omaggio a / Homage to Felix Gonzalez – Torres

16/12/02 Omaggio a / Homage to Felix Gonzalez – Torres

Questo progetto nasce come omaggio a Felix Gonzalez-Torres, artista meravigliosamente intimista. Esso rielabora uno dei suoi progetti più noti, la fotografia del suo letto esposta alla visione dei passanti nelle vie di New York, progetto organizzato da Anne Umland in collaborazione col MoMa, dal 16 Maggio al 30 Giugno del 1992. Il mio intento è prenderne spunto e rielaborarlo al mondo del web, cercando di coinvolgere altre persone e rendendo il tutto un working in progress. Tale azione vuole sia rendere omaggio ad un'artista da me amato sia riconsiderare il ruolo del web che sempre più diventa spazio reale che documenta e rende viva la realtà stessa, oltre a creare un dialogo fra spazio privato e spazio pubblico.
Il lavoro artistico prende spunto da tale azione rimpostandola per il web, per cui nei giorni fra il 16/12/02 e il 20/12/02 fotografato la mia stanza da letto al mattino e inserisco la foto realizzata in alcuni siti web pubblici (vedi elenco siti sotto), proponendo anche a tutti i casuali visitatori di inviarmi la foto dei loro letti mattutini e di pubblicarle dal 20/12/02 in poi nei siti web. Il progetto verrà raccolto alla fine nello spazio web http://digilander.libero.it/omaggioGFT/ , mentre sono stati quotidianamente usati i siti: www.exibart.com (nel forum) / www.undo.net (carta bianca) come luogo di diffusione pubblica del progetto.

This project is born as a homage to Felix Gonzalez-Torres, a marvelous intimist artist. This re-creates one of his most well known projects, the photograph of his bed exhibited to the pedestrians on the streets of New York City, a project organized by Anne Unland in collaboration with MoMa, from May 16th to June 30th of 1992. It is my intention to take it as a starting point and re-create it on the world wide web, hoping to involve other persons and render it all as a work in progress. Such action would render homage to an artist I love, re-evaluate the role of the web which, the more it becomes real space that documents and renders live reality itself, the further it creates a dialogue between private and public space.
The artistic work will take as its starting point photographs contributed by the contestants which will be posted on the web for which, from 12/16/02 to 12/20/02, I have photographed my bedroom in the morning and have also inserted other photos taken from other public sites (see the list of sites below). I propose that all chance visitors send me photos of their in-the-morning beds so I can publish them starting on 12/20/02 at the appropriate websites. All the material will then be gathered on a suitable website.

http://digilander.libero.it/omaggioGFT
www.exibitart.com (forum)
www.undo.net (Carta Bianca)

Immagini dal sito :






sabato 7 dicembre 2002

07/12/02-06/01/03 “Innesto- Greffe- Graft” mostra/exhibition Agorà di Valdieri.

07/09/02 "Innesto - Greffe - Graft" installazione/installation con/whit Stefano Venezia, nel Parco Alpi Marittime - Valdieri.

Nella giornata di Sabato 7 Settembre 2002 si è svolta nel Vallone della Valletta, all’interno del Parco delle Alpi Marittime, una particolare azione artistica realizzata da Domenico Olivero e Stefano Venezia.

Si trattava dell’happening “Innesto – una costellazione sulla terra” particolare intervento dinamico d’arte.
Il tutto ha preso l’avvio, nel tardo pomeriggio di una giornata poco estiva, da una simpatica passeggiata attraverso una bella vallata alpina. Durante la camminata, sono state realizzate due tappe che hanno reso coinvolgente la presenza del piccolo ma gioviale gruppo di partecipanti. Nella prima, su un bel prato verde, un’affascinante installazione di scatole rosse ci aspettava con un contenuto misterioso e variopinto, delicati spazi di colore da scambiarsi fra i presenti.

Nella seconda una suggestiva serie di gemme argentate, appese sugli alberi di un piccolo boschetto, hanno offerto il loro intimo dono da condividere a casa con le persone amate. Alla fine di questo tragitto, attraverso una stupenda natura che già si colorava d’autunno, siamo giunti in prossimità di un belvedere dove, dopo un simpatico test individuale, abbiamo dato un contributo personale per realizzare una scultura a forma di costellazione. Codesta delicata struttura, ispirata alla formazione dell’Orsa Maggiore, era composta di tanti pensieri, intervallati da chiare candele che hanno dialogato suggestivamente con il tramonto, accompagnandoci in una magica notte.

Questo happening artistico è stato un tentativo nuovo di fare arte. Una proposta per creare un manufatto artistico ma anche per cercare un dialogo e una partecipazione con i presenti, il tutto in una romantica cornice naturale. Un momento di sensibilità e di riflessione poetica per avvicinare le persone alle affascinazioni dell’arte contemporanea. Questo progetto è stato realizzato in collaborazione con l’artista Stefano Venezia. (Cronaca di un’opera d’arte a cura di Ornella Calvetti) .



On Saturday September 7th 2002 in the Valletta Valley, in the Park of the Alps Marittime, a detailed artistic action created by Domenico Olivero and Stefano Venezia took place. It concerned the event I Graft - a constellation on Earth – a particular dynamic intervention of art. Everybody started the walking, in the late afternoon on a beautiful summer day.

Walking through a nice alpine valley. During the walking we have created two phases in which the presence of a small but young group of participants was involved. In the first one, on a beautiful green lawn, a fascinating installation of red boxes waited for us with a mysterious and very colorful content, delicate spaces of color to exchange between ourselves. In the second, a suggestive series of silvered gems, pending from the trees of a small grove where we have offered a present to our intimate to share at home with the beloved ones. At the end of that journey, in the middle of a fabolous natural landscape already flushed from the autumn, we arrived to a “belvedere” where, after a nice individual test, we gave a personal contribution to create a sculpture in the shape of a constellation. That delicate structure, inspired by the Great Ors was composed of so many thoughts, alternated by lit candles that have suggestively dialogued with the sunset by accompanying us in a magic night.

That artistic event was a new attempt of making art. A proposal to create an artistic manufactured article but also to look for a dialogue and a sharing among the presents, everything in a romantic natural frame. A moment of sensitivity and poetic reflection to approach the persons to the fascination of the contemporary art.

This project has been realized in collaboration with the artist Stefano Venezia. (Chronicle of a work of art edited by Ornella Calvetti).

domenica 13 ottobre 2002

13-15/10/02 “DoNo” performance Liberart a Liverpool (U.K.)





13-15/10/02 “DoNo” performance Liberart a Liverpool (U.K.).

Sono stati realizzati 30 differenti disegni usati come punto di partenza per una catena di scambi con altri disegni, in modo da creare un flusso continuo di scambio fino alla fine dell’esibizione. Luogo della performance è stata la sede centrale di “Liberart” a Liverpool, dal 10 al 16 Giugno 2002.

30 different sketches have been done and were used as point of departure for a chain of exchanges with other sketches, in order to create a continuous flow of exchange up to the end of the exhibition. The place of the performance was the central center of “Liberart” in Liverpool. From 10 to 16 June 2002.

lunedì 7 ottobre 2002

PassDoC project




< 07-10/11/02 "PassDoC project" installazione/installation A.D.E. Città del Messico (Mexico). (Personale/Solo show)
* 25-28/07/02 "PassDoC project" installazione/installation Atelier Keller (Berlin - Germany). (Personale/Solo show)
* 25-30/04/02 "PassDoC project" installazione/installation EspaceFlujoUtil Barcellona (Spain). (Personale/Solo show)

Dopo la serie d’incontri realizzati in differenti sedi (25-29/04/02 a Barcelona, 25-28/07/02 Berlin, 14-17/11/02 Ciudad de Mexico) inizia la costruzione del sito web. Questo spazio virtuale nasce seguendo una serie di proposte nate dai precedenti incontri, con più di 250 persone. Azione visiva e dinamica, che sfrutta diverse tecniche e forme… visitatelo e donate un vostro contributo.

PassDoc è un sito artistico, un’opera multimediale in continua mutazione (work in progress), come un essere vivente o una città, che lentamente cresce e si sviluppa. E’ stato creato dall’artista Domenico Olivero e si trasformerà con l’integrazione di nuovi lavori. Il suo nome significa passaggio e documentazione, come un labirinto fantastico costituito da differenti forme e spazi sia virtuali che reali.

Riflessione: Sempre più difficile, ma forse impossibile, trovare delle opere che rappresentino la realtà, in forma chiara ed univoca. Opere artistiche che diano sostanza estetica al mondo che ci circonda, per descrivere l’universo in cui viviamo. La tradizione non riesce più a portare avanti significati oramai slegati da un contesto logico e storico, tutto è nuovo, indipendente o talmente concatenato che non si riesce a dipanarne la matassa delle origini. Oggi non esistono più verità totali, o risultano irraggiungibili, e quindi non può esistere un’opera assoluta che cerchi di descrivere il tempo in cui nasce. Oggi non esiste una forma unica ma tante parti. La totalità nasce dalla sua segmentazione. La falsa visione globale rivela all’avvicinarsi una frammentazione, forse le singole parti sono più significative della totalità. Ogni nuova creazione è forma che necessita di assorbire e crescere, instabile, riflessiva, così vuole essere quest’opera che nella sua presenza sul web riesce ad esprimere al meglio una modernità sempre più incomprensibile e indefinibile. "il mondo non può essere espresso, può essere solo vissuto». Il progetto si è poi evoluto con un’appendice dinamica intitolata “PassDoc off”, incontri in differenti luoghi del globo (Nizza, Venezia, Canterbury e San Francisco), momenti di convivialità intorno all’arte.


P a s s D o C art web project (through the time )

After the series of meetings performed in the different centers (25-29/04/02 Barcelona, 25-28/07/02 Berlin, 14-17/11/02 Ciudad de Mexico). I begin the development of the website. This virtual space was created following a series of proposals from the former meetings, with more than 250 persons. Visual action and dynamics, that exploit different techniques and shapes… visit us and give your contribution.

PassDoc is an artistic site, a multimedial work in continuous mutation (work in progress), as a living being or a city, that slowly grows and develops. It is a creation, and it will last for a whole year. It will be transformed with the integration of new woks by the artist Domenico Olivero. Its name means passage and documentation, it is a fantastic labyrinth constituted by different shapes and spaces, both virtual and real.

Reflection: It is always more difficult, perhaps impossible, to find the works that represent reality, in a clear and univocal way. That can give aesthetic substance to the world around us, to describe the universe where we live. The tradition does not get forward a new meaning of today’s life, everything is new, independent or so much concatenated that it is impossible to understand its origin. Today there are not total truths but different ones.
The totality is born from its segmentation.

The false global vision reveals itself, whenever you approach it as …. fragment, probably the single parts are more significant than the totality. Every new creation is a form that needs to absorb and grow, fluid, reflexive, and so wants to be this new art-web project, expressing as good as possible the modernity always more difficult to be understood and without a definition. “the world can’t be expressed, but only lived”.
The project it will be evolved in a dinamic action “PassDoc off”, in differente place of the world (Nice, Venice, Canterbury and San Francisco), art convivial moment.

http://digilander.libero.it/passdoc (IL SITO è STATO CANCELLATO DAL PROVIDAR NEL 2005)

mercoledì 10 luglio 2002

10-17/07/02 “La settimana” installazione/installation a “Free Manifesta” Frankfurt (Germany).



“Ho realizzato un disegno con gessetti fluorescenti blu e gialli sul principale marciapiede di Mainzer-Landstr. angolo Replublik Platz (vicino alla Stazione di Francoforte sul Meno). Questo disegno è il classico gioco dei bambini, chiamato in italiano "La settimana”. Si tratta di un breve momento digioco, per ritornare alla propria innocenza/sensazione, per i passanti che attraversavano quello spazio. Questa azione è durata dal 10 al 17 Luglio del 2002.”

“I have realized a sketch with blue and yellow fluorescent pieces of chalk on the principal sidewalk of Mainzer-Landstr. angle Replublik Platz (next to the Station of Frankfurt on the Less). This sketch is the classical game of his/her/their children, called in Italian "You week”. It deals with a brief moment of game, a return to his/her own innocence/feeling, where the pedestrians going through that space are involved. This action will have lasted since 10 to 17 July of 2002.”

http://www.freemanifesta.org/artists/olivero.html