sabato 19 maggio 2012

3/t(h)ree


Per l'evento "Nel giardino di Roberto" mostra in ricordo del fondatore della Fondazione Peano che si svolge dal 19 Maggio al 17 Giugno  l'artista Domenico Olivero ha realizzato l'opera : Titolo 3/t(h)ree -  Albero trino, divenire del tempo e del sapere. Recondita verità che ombreggia alla pianta del sapere, da cui l’uomo fu cacciato 










Intento dell’opera.

Per la mostra “Nel Giardino di Roberto” presso la Fondazione Peano in Corso Francia 47 a Cuneo, che si svolge dal 19 Maggio al 17 Giugno 2012, l’artista Domenico Olivero ha realizzato la scultura “3/t(h)ree” un albero trino, metafora sul divenire del tempo e del sapere. L’opera tenta di svelare recondite verità che ombreggiano alla pianta del sapere, da cui l’uomo fu cacciato.

La scultura alzata verso il cielo aspetta il tempo, inneggiando alla trasformazione e alla incurie del destino.

Posata sul verde prato il lavoro è costituito da fragile materiale deperibile; tre aste di balsa che unite da un legaccio in lana, sostengono una mela. Segnale di un progetto destinato alla lenta consumazione temporale. Destino comune ad ogni cosa terrena.

La tradizione cristiana, a cui Roberto Peano fu legato, è fonte dell’opera e nella solita forma estrema dell’artista, vuole ridiscuterne le aspettative. La condizione umana nasce, secondo questa religione, dalla cacciata dell’uomo da un luogo fantastico, nominato spesso oggi con il termine greco di “paradiso” che significa giardino, perché incautamente egli assaggiò un frutto, che forse rappresentava il sapere, una mela.  Mela che diventa così rappresentazione della conoscenza e del peccato, situazione di continua trasformazione che nel suo deperire farà germogliare altre piante, altri peccati, altri saperi.

Tre bianche ed intersecate aste sono intrecciate e pure come sono le figure di questo culto religioso: Dio, Gesù e lo Spirito Santo. Nel passere del tempo in questo intimo giardino della Fondazione verranno trasformate dagli agenti atmosferici che ne muteranno aspetto e funzione, come la storia di questa religione nel suo evolversi è mutata.

Per un simpatico gioco di lettere è stato scelto il titolo in lingua inglese, descrizione reale dell’opera stessa.

Testo a cura di Ornella Calvetti.






lunedì 14 maggio 2012

14/05/12 Pocket Zurich





Nuova tappa a Zurigo del progetto artistico Pocket, lo scorso 14 Maggio 2012

Web site http://pocketartproject.blogspot.com/