Testo di Claudio Cravero per la mostra Silere 2007

L’attenzione di Domenico Olivero (Cuneo, 1964) è rivolta alle affinità e all’empatia dei rapporti, quelle scintille improvvise che immediatamente mettono in relazione le persone. La sua è una costante ricerca di possibilità di condivisione dell’ideazione artistica, di costruzione di atti percettivi intesi come urgenza comunicativa, di scambio di esperienze emozionali ancor prima che culturali che, come ne Il sapoere della terra, si integrano attraverso la creazione di un blog in rete (http://amamisepuoi.blog.tiscali.it/) Il sapoere della terra di Olivero è un omaggio alla terra che tutti i giorni calpestiamo, che ci sostiene e contiene.

L’installazione, in cui cinque cumuli di terra provenienti da Parigi, Londra, Bologna, Venezia e Cuneo ripercorrono alcune tappe della storia di Olivero, rappresenta la terra intesa come materia di memoria che, anche se in apparenza silente, conserva e testimonia le stratificazioni degli incontri avvenuti nei rispettivi luoghi.

Oltre alla vista, un altro senso interviene nella ricostruzione di quel legame, oggi sempre più debole, con la terra madre: l’olfatto. Il profumo della terra, aspro, ruvido, polveroso, proprio come spesso è il sapore dei sentimenti nei periodi stantii delle relazioni, si mescola ad un altro profumo, il vapore delicato di un’essenza floreale, la lavanda; ennesima memoria dell’artista alla quale egli è affettivamente e parentalmente legato.


Terra e fiore si uniscono, l’artefice e il prodotto si compenetrano, l’inizio e la fine, seguendo un moto circolare, diventano la madre e il figlio che si fondono nuovamente dopo il parto. ‘Il sapoere della terra’ trasforma il silenzio, quel momento a tratti rarefatto e annebbiato, in un’altra dimensione esperenziale, quella dell’ascolto e della percezione in cui immagini diverse, odori da riconoscere e sensazioni da registrare rimandano, intimamente e secondo memorie proustiane, alla nostra storia, al passato, alle nostre identità.

Domenico Olivero - Il sapoere della terra - 2007 - Installazione 
terra, essenze floreali, scritta a pavimento

Nessun commento:

Posta un commento